5 Soulslike che ogni gamer dovrebbe provare

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Demon’s Souls con il suo remake per PS5 ha riportato alla memoria ricordi di un tempo passato in cui questo videogioco approdò sulla Playstation 3 e rivoluzionò il genere degli hack n’slash. Demon’s Souls e poi successivamente la saga di Dark Souls riportò in auge quella tipologia di gioco severo, tecnico e punitivo tipico degli anni passati andando controcorrente ed eliminando quell’approccio permissivo che stava caratterizzando sempre di più i videogiochi degli anni 2000 creando il sottogenere dei soulslike.

La serie Souls nel tempo acquisì una foltissima schiera di appassionati che non cercavano altro che nuove sfide da affrontare e quindi numerosi sviluppatori cercarono di accontentarli realizzando titoli che riprendevano la filosofia dei Souls reinterpretandola.

Code Vein

Dark Souls in versione anime, e già questo dice tutto! Se amate la narrativa e la direzione artistica tipica degli anime giapponesi unita ad un gameplay brutale e punitivo non potete non prendere in considerazione questo titolo Bandai Namco. Qualche colpo di scena azzeccato e un gameplay molto vario e appagante rendono questo soulslike un titolo capace di conquistarvi per parecchie ore anche grazie alla modalità co-op a due giocatori.

Remnant: From the Ashes

Soulslike spesso e volentieri va a braccetto con un combat system che fa dell’arma bianca il suo principale protagonista. Spesso ma non sempre infatti in Remnant: From the Ashes viene meno l’ambientazione dark fantasy in favore di una sci-fi distopica e tetra e vengono eliminate spade e mazze per dare spazio alle pistole.

Il combat system è dannatamente divertente ed appagante mentre le vaste mappe procedurali mostrano il fianco se paragonate al sopraffino level design dei souls ma allo stesso tempo donano freschezza e senso di novità ad ogni partita. Se a tutto questo unite una difficoltà degna di un souls ed epici combattimenti con dei boss duri a morire potrete capire perché questo titolo è inserito in questa lista.

Salt and Sanctuary

Forse il primo vero soulslike mai realizzato e capace di prendere a piene mani dai capolavori From software innovando comunque la formula introducendo caratteristiche uniche. La prima e impossibile da non notare è che l’intero gioco è realizzato in 2d e questo non è affatto un limite, anzi espande ancora di più le possibilità offerte introducendo, ad esempio, delle sezioni platform basate sulla gravità che stupiscono e divertono. Ma Salt and Sanctuary non si limita a questo ma introduce una divertentissima modalità co-op in locale, un sistema di progressione del personaggio complessa ed appagante ed ovviamente un combat system profondo e difficile. E con questa breve panoramica scalfiamo solo la superficie di un titolo che si annovera tra i migliori del sua genere.

Eldest Souls

Eldest Souls forse non sarà effettivamente uno dei migliori soulslike in commercio ma è stato realizzato interamente in Italia e fin dalla prima partita sa conquistare il giocatore grazie ad una direzione artistica di pregio e ad una trama che non sorprende ma che è il perfetto contorno a quello che veramente conta: il gameplay.

Il gameplay si poggia su di un combat system preciso e tecnico ma non si può non sottolineare che Eldest Souls è un gioco difficile, parecchio difficile. Sfiora la frustrazione ma non la raggiunge mai soprattutto nelle prime fasi di gioco dove i potenziamenti sono pochi e ci si affida solo alle proprie capacità di fronte a un paio di boss particolarmente ostici. Se non vi spaventano le sfide e ad ogni game over siete ancora più determinati di prima Eldest Souls è sicuramente il soulslike che fa per voi.

Mortal Shell

Breve ma intenso, questa frase racchiude tutta l’anima di Mortal Shell. Mortal Shell è un soulslike non particolarmente complesso se paragonato ad altri esponenti del suo genere ma ha delle soluzioni di gameplay che innovano e sanno conquistare.

Le ambientazioni dark fantasy prese direttamente dai vari dark souls fanno da cornice alla storia del protagonista capace di possedere i corpi di guerrieri caduti e di farne proprie le abilità. Il combat system è incredibilmente strategico perché introducendo la possibilità di indurire il proprio corpo e di non subire danni amplia il ventaglio di strategie applicabili in maniera sostanziale. L’unica pecca è la sua longevità ma se il viaggio sarà pieno di sorprese vale la pena affrontarlo anche se breve.